CIP GARDEN . Via Varesina, 279 . 22100 Como . T +39 031 525557

28 Lug

Consigli per la grigliata perfetta? Chiedi all’esperto!

Ci siamo, è estate e non c’è periodo migliore per organizzare generose grigliate nel nostro giardino e sulla nostra terrazza in compagnia di amici o famigliari. Sappiate però che se toccherà a voi cimentarvi con il BBQ sarete certamente sotto l’occhio vigile di tutti i presenti, pronti a giudicare le vostre tecniche e le scelte a partire dalla carne acquistata per finire alla brace.

Abbiamo pensato allora di fare qualche domanda a Vincenzo, il nostro esperto di barbeque qui al CipGarden, in modo da poter dissipare ogni vostro dubbio e prepararvi alla vostra grigliata perfetta!

 

bbq_1

 

Andiamo per gradi e partiamo allora dalla scelta del barbeque, quale acquistare?

La scelta tra quello a gas e quello a carbonella può essere dettata da molti fattori come ad esempio la pulizia e in questo fattore quello a gas è certamente più pratico. Ma se vogliamo una grigliata perfetta e ottenere una cottura e una croccantezza della carne ottimale, la scelta ricade inevitabilmente su quello a carbonella.

 

Quale carne acquistare?

La carne di manzo è indubbiamente quella da preferire perché sopporta le alte temperature. In funzione del budget a disposizione possiamo scegliere tra i vari tagli, un compromesso che rende sempre tutti soddisfatti è il filetto, magari con l’osso.
Per rendere tutti felici non potete fare a meno del maiale, scegliete le costine e le punte. Ricordatevi che il segreto per una carne saporita è il grasso: quindi se sceglierete carne di maiale magra una volta cotta sarà stopposa, dura e poco saporita.
Pollo e vitello possono naturalmente essere aggiunte alla grigliata, ma dato che parliamo di carne bianca, dovrete necessariamente dargli sapore con una giusta marinatura, utile anche per non farle seccare.
Salamelle e salsicce in gran quantità. sono sempre ben accette da tutti.
Infine gli spiedini. Belli, buoni e pratici, ma quando li scegliete fate attenzione che le carni inserite abbiano la stessa cottura. Ancora meglio, fateli voi e giocate anche con le verdure.

 

Come marinare la carne?

La marinatura è una dei segreti per una grigliata perfetta, tenerezza e sapore della carne infatti dipendono da questo passaggio inprescindibile. Per ogni carne esiste la marinatura adeguata e i sapori che potete creare sono tantissimi, ricordatevi però che la marinatura deve essere obbligatoriamente grassa, oleosa, speziata e leggermente acida.
La più classica delle scelte ricade su olio di oliva, trito di erbe aromatiche (rosmarino, salvia e alloro), spicchio d’aglio e vino: ricordatevi niente sale!
Il tempo di permanenza della carne nella marinatura determinerà il suo sapore. Solitamente si dovrebbe lasciare a marinare per almeno 4 ore la carne di manzo e dalle 2 alle 4 quelle di maiale e di pollo. Non esagerate però perché c’è il rischio che la carne si possa sfaldare.

Abbiamo scelto il BBQ a carbonella, ma quanta ne serve?
Mha tutto dipende dalla pratica che si ha con la brace e dalla quantità di carne da cucinare. Direi che un sacco da tre chili potrebbe bastare per una grigliata di 4 persone e così via.

 

carb_1

 

Quando e come accendere fuoco e brace?
In genere il fuoco si accende circa 30 minuti prima: questo è infatti il tempo necessario alla carbonella per diventare brace in grado di cuocere ed evitare di abbrustolire la carne.
Fate un fondo di carbonella alta circa 3 centimetri e ricordatevi di distribuirla bene. Per accendere il fuoco utilizzate dei rametti o in alternativa potete utilizzare la diavolina, più semplice e veloce.

 

Ma come si mantiene invariata la temperatura della brace?
Aggiungendone costantemente. L’ideale sarebbe creare un braciere staccato in cui far arrivare alla corretta temperatura la brace prima di aggiungerla a quella che stiamo utilizzando.
Ricordatevi che dopo un po’ la brace si spegnerà gradualmente e se la quantità di carne da abbrustolire è tanta avrete bisogno del rabbocchino.

 

Quanto deve cuocere la carne?
Dovete fidarvi dei vostri occhi, della vostra esperienza e, in caso di dubbi, a qualche taglietto (…ma proprio in casi disperati!). La regola però dice che la prima carne da mettere sulla brace è quella di manzo, che con la brace ben calda avrà un crosta croccante e un cuore tenero e al sangue. Proseguite quindi con le salamelle e terminate con pollo, agnello e altri carne che richiedono temperature inferiori per poter cuocere completamente. Non fate ballare la carne! Per quanto riguarda bistecche, filetti, braciole, spiedini, pesce e verdure sarebbe meglio evitare di girarle continuamente ma farlo solo una volta a metà cottura. Da questa regola si salvano le fiorentine, le cosce di pollo e il carrè di agnello.
Non punzecchiatela! Spesso per girare la carne si utilizza il famoso forchettone. Lasciatelo perdere, bucare la carne significa fare uscire il sapore.
Ricordatevi! Mai aggiungere sale prima o durante la cottura. Il sale elimina l’acqua dalla carne e si rischia di farla diventare durissima!

Ultimo consiglio.. quando togliete la carne da fuoco provate a mettetela a riposare in un piatto coperto con la carta stagnola. Aiuta a preservare il calore della carne e sarà anche più morbida.

Al CipGarden trovate anche un grande assortimento di barbeque Weber, ti tutte le misure sia a carbonella che a gas.

Speriamo che i nostri consigli vi siano d’aiuto ma se avete ancora delle domande potete scriverci o venire a trovarci e  chiedere di Vincenzo!

A presto!